Rapyuta, l’evoluzione della robotica con il cloud computing

Mercoledì, 13 Marzo 2013 00:00
Rapyuta è una piattaforma open source che utilizza il cloud computing per rendere più efficiente la robotica. Verrà presentata a Lione in occasione dello European Robotics Forum.

Robotica e cloud computing


Il termine robot è stato utilizzato per la prima volta nel 1920 in un’opera teatrale dello scrittore ceco Karel Capek. Di robotica, invece, si comincia a parlare nel 1961, quando in uno stabilimento della General Motor viene installato un braccio robotico su una catena di montaggio di automobili.

Oggi, grazie al cloud computing, si sta affermando un altro settore all’interno della robotica: il cloud robotics, di cui Rapyuta è un esempio: una piattaforma open source nata nel 2011. Il suo obiettivo è permettere alle macchine robotiche di comunicare e condividere conoscenze, attraverso la costruzione di una rete internet apposita.

È un progetto innovativo realizzato dai ricercatori di 5 università europee nell’ambito di RoboEarth, un programma finanziato dall’Unione Europea, e verrà presentato durante lo European Robotics Forum di Lione, che si terrà dal 19 al 21 marzo 2013.

Con Rapyuta, i robot potranno collegarsi in modalità wireless a una memoria centrale in cloud computing, per svolgere determinate funzioni e ricevere assistenza. Questa piattaforma open source contribuirà ad elevare le prestazioni dei robot, diminuendone la pesantezza e rendendoli più economici e intelligenti.

Robot mobili, droni e automobili senza conducente, e robotica industriale trarranno i maggiori benefici dall’applicazione di questa piattaforma PaaS. L'intenzione dei ricercatori è quella di superare i limiti imposti ai robot e aumentare l’interazione tra uomo e macchina.

I responsabili del progetto, inoltre, ne escludono un impatto negativo sull’occupazione e secondo una ricerca della International Federation of Robotics l’introduzione dei robot nella produzione favorirebbe invece la crescita dei posti di lavoro.

(Fonte: www.lastampa.it)

Letto 10139 volte

Articoli correlati (da tag)

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.